Policar Day 2018

Ci sono marchi che diventano così popolari da identificare una intera classe merceologica: giochi e oggetti che si definiscono con il nome della marca più rappresentativa. Una ‘coca’, una ‘Jeep’, una ‘Barbie’. Ricevo e pubblico molto volontieri da Marco Franceschini. Le immagine sono prese dal sito di Domenico Rusconi policar.info o dalle pagine Facebook di Jolly Racing Cantalupa, organizzatore del raduno.

In Inghilterra e in Spagna le slot car vengono chiamate semplicemente Scalextric, in Italia Polistil o Policar! La storia di questo glorioso marchio, che ha accompagnato la crescita di varie generazioni, è stato il sogno di tutti i ragazzini dagli anni sessanta agli anni novanta. Al giorno d’oggi gli appassionati e i nostalgici sono un numero difficile da stimare, ma sicuramente sono molti di più di quanti si possa immaginare. Da qui nasce l’idea di questo raduno, che non raccoglie solo slottisti ma anche Collezionisti e semplici appassionati e/o nostalgici con le loro piste in soffitta o in garage!

LA STORIA della POLICAR in poche righe..

A seguito del boom delle slot car provenienti perlopiù da oltre oceano, nei primi anni ’60 APS-Politoys decise di lanciarsi nella produzione di piste elettriche e relative macchine.

Nel 1963 esce in commercio la prima pista contenente le due Ferrari 156, le cosiddette “squalo”, una rossa ed una blu, in una scala di circa 1:24. Questi modelli rimarranno gli unici che riportano il marchio APS … Nasce la POLICAR!! Da qui in po sarà un susseguirsi di uscite, e di sottomarche:

POLICAR MINI produrrà 4 Modelli in scala 1:66 (Ferrari 250 GTO 1964, Jaguar XKE Coupé, Porsche 904 e Alfa Romeo Giulietta SS): queste slot fanno tenerezza quando si hanno in mano… in pratica sono un motore con la carrozzeria intorno ma nel loro piccolo (in tutti i sensi) sono dei gioiellini!

DROMOCAR, dedicata alla scala 1:43 produrrà 9 modelli di prototipi, 8 di Can-Am, i bob (anche se sono in scala 1:24) e svariate piste a tema … Disney, Coca-cola, Batman, Superman Safari e altre.

POLICAR, dedicata alla scala 1:32 (in realtà 1:36) in prima battuta vengono prodotti due modelli, la Ferrari 250 GTO e la Ford GT, che resteranno nella storia dello slot per la loro particolarità di avere il cofano motore apribile. Seguiranno ventuno modelli di prototipi e le mitiche Dune Buggy!

POLICAR SUPER cerca di entrare in competizione con i più blasonati marchi americani nelle slot car 1:24 Racing realizzando dei telai snodati e usando delle carrozzerie in acetato.

POLICAR Racing, dedicata alla scala 1:24, si comporrà di 4 modelli e di una pista in vetroresina che ancora oggi è considerata una delle migliori mai prodotte.

IPPODROMO è una pista con i sulky

le immagini sono prese da www.policar.info

Con il marchio POLISTIL, poi, verranno prodotte le serie EVOLUTION, Champion, HP e SHP su cui ora non mi voglio dilungare.

La storia di questo produttore italiano durerà fino alla fine del secolo scorso, quando marchio e stampi vengono venduti a terze parti che proveranno a riattivare la produzione con scarsi risultati per poi finire nell’oblio. Oggi il marchio Polistil è di proprietà di un gruppo cinese, mentre il marchio POLICAR grazie alla passione di Maurizio Ferrari è tornato a far bella mostra di se nel mercato delle Slot Car attuali.

Il raduno

Arrivati alla terza edizione del raduno Policar/Polistil, come sempre eccovi le informazioni utili:
La manifestazione si svolgerà sulla pista Policar/Polistil del Jolly Racing Cantalupa (Via Ligiard 5, 10060 Cantalupa TO): si tratta di una pista Polistil 4 corsie con uno sviluppo di 33 metri, in cui sono presenti tutti i tipi di curve (ad esclusione delle paraboliche) prodotte dalla casa con alcune soluzioni ad hoc sempre realizzate con opportune modifiche ai pezzi originali (ad esempio i cordoli!). La pista non ha subito nessuna “pappatura” ed è pertanto il catino ideale per le vecchiette della più amata casa slottistica italiana .

Sulla pagina Facebook “Jolly Racing Cantalupa” trovate le foto della scorsa edizione .

Per qualunque cosa potete scrivere a jollyracing@tiscali.it

Programma delle giornate:

Venerdì 20 aprile

  • Ore 21:00 apertura pista (come sempre il venerdì) per prove libere aperte a tutti.

Sabato 21 aprile

  • Ore 14 apertura club con prove libere, ciarle, scambi e presentazione novità varie…
  • Ore 17 gara con le Policar a Sigaro dell’ultima serie, quelle a ruote larghe e non sterzanti, macchine di proprietà, strettamente di serie, pesi ammessi e gomme fornite dall’organizzazione (Produzione DPSlot replica in uretano).
  • Cena libera (nel senso che ognuno prende ciò che vuole) presso Papà Magjourin, trattoria/griglieria/pizzeria con piatti tipici piemontesi e non.
  • Dopocena (per chi vuole) in pista con svago libero!

Domenica 22 aprile

  • Ore 8:30 apertura club con prove libere, ciarle, scambi e presentazione novità varie…
  • Ore 10:00 tutte le vetture partecipanti alla gara prototipi verranno messe in parco chiuso.
    Verrà istituita una commissione formata da 5 fra i partecipanti addetta alla votazione del concorso di eleganza delle macchine che partecipano alla gara prototipi.
    Breve messaggio di benvenuto e breefing pre gara.
    I vari concorrenti verranno chiamati alle verifiche tecniche delle vetture in base all’ordine di qualifica.
    Parallelamente si svolgeranno le qualifiche.
    Partenza gara con le vetture della serie Policar/Polistil Prototipi di proprietà (codici da P/A69 a A92)
  • Al termine della gara premiazioni varie.
  • Pranzo … come e dove verrà indicato in prossimità della data dell’evento.
  • Terminato il pranzo e direi entro le ore 15 seconda Gare con macchine fisse in corsia fornite dall’attuale Policar (Slot.It).

Durante i giorni 21 e 22 chi vorrà potrà scambiare il materiale che ha in surplus.

Regolamento tecnico F1 a Sigaro Seconda serie

  • Sono ammesse le macchine con codici ??? (la prima serie va dal P50 al P53 la seconda non lo so), in pratica sono la versione con il pickup ed il motore come quello delle prototipi…
  • Macchine di proprietà.
  • Ruote anteriori di serie, diametro minimo 21,00 mm (possono essere tornite ma deve rimanere visibile il battistrada)
  • Motori reverse VIETATI, sono ammessi i motori P3 sia con testina bianca che verde
  • Vietato shunt…are i carboncini
  • Numero di giri massimi alla ruota 6800 a 12V
  • Per livellare le prestazioni legate alla conoscenza del tracciato ai piloti di casa verrà dato un handicap di (da definire) per gara di 5 minuti a corsia.
  • Il telaio non può essere modificato.
  • E’ consentito spessorare sotto l’assale anteriore per tenere sollevato lo stesso sia con piombo che con altri materiali.
  • Spazzole libere in treccia di rame, anche stagnata.
  • Rapporti di serie.
  • E’ consentito mettere un giro di nastro di carta intorno alle boccole per evitare che si muovano.
  • Ammessa l’aggiunta di pesi fissi in piombo o tungsteno nella parte superiore del telaio.
  • PickUp può essere ridotta la profondità della lama ed è ammesso mettere uno spessore fra lo stesso ed il telaio.
  • Gomme fornite dall’organizzazione (Produzione DPSlot replica in uretano).
  • Carrozzerie, devono essere originali, non alleggerite, complete di tutte le sue parti, è consentita la verniciatura personalizzata.
  • Saranno disponibili delle vetture pronto gara a disposizione per chi non le avesse.

Regolamento tecnico Prototipi:

  • Vetture della serie Policar/Polistil Prototipi (codici da P/A69 a A92)
  • Macchine di proprietà.
  • Ruote anteriori di serie, diametro minimo 13,80 mm (possono essere tornite ma deve rimanere visibile il battistrada)
  • Motore di serie (sia testina verde, che bianca, che reverse, deve essere marchiato policar).
  • Vietato shunt…are i carboncini
  • Numero di giri massimi alla ruota 7200 a 12V
  • Per livellare le prestazioni legate alla conoscenza del tracciato ai piloti di casa verrà dato un handicap (stò valutando di dare 8 giri per gara di 5 minuti a corsia).
  • Il telaio non può essere modificato (uniche deroghe ammesse, è ammesso l’adattamento al montaggio del motore reverse ed è ammesso (se necessario) aumentare la dimensione delle asole dell’assale anteriore in modo da ottenere un assetto corretto).
  • E’ consentito spessorare sotto l’assale anteriore per tenere sollevato lo stesso sia con piombo che con altri materiali.
  • Spazzole libere in treccia di rame, anche stagnata.
  • Rapporti di serie.
  • E’ consentito mettere un giro di nastro di carta intorno alle boccole per evitare che si muovano.
  • Ammessa l’aggiunta di pesi fissi in piombo o tungsteno nella parte superiore del telaio.
  • PickUp può essere ridotta la profondità della lama ed è ammesso mettere uno spessore fra lo stesso ed il telaio.
  • Gomme fornite dall’organizzazione (Produzione DPSlot replica in uretano).
  • Carrozzerie, devono essere originali o derivate dalle stesse, peso minimo esclusa la vite, di 12,00 grammi, nel caso sia inferiore è obbligatorio aggiungere peso posto sotto il tetto dell’abitacolo,
  • è consentita la verniciatura personalizzata, E’ consentito partendo da un modello originale ricavare qualunque altro modello rispettando il peso minimo.
  • il basculamento della carrozzeria è consentito.

Saranno disponibili delle vetture pronto gara a disposizione per chi non le avesse.

Per chi arriva da lontano i posti per dormire in zona sono questi:

Hotel Tre Denti
Tipologia: Hotel
Stelle: ***
Indirizzo: Via Roma 25 – Cantalupa TO
Telefono: 0121 352063
Distanza dall’evento: 650 mt

La Locanda della Maison Verte
Tipologia: Hotel
Stelle: ***
Indirizzo: Via Rossi 34 – Cantalupa TO
Telefono: 0121 354610
Distanza dall’evento: circa 3km

Consiglio di non aspettare all’ultimo per prenotare l’albergo … sovente a Cantalupa ci sono squadre di varia natura (calcio, volley, atletica, nazionale di tiro con l’arco ecc..) in ritiro, quindi non aspetterei l’ultimo istante … se avete bisogno di informazioni varie non avete che da chiedere!

Ecco alcune foto dell’evento 2017

Autore dell'articolo: Maurizio Ferrari

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.