(Traduzione autorizzata da “Slot car history” di Dennis Davis)


 

1912: i modelli di auto da corsa elettriche fanno la loro prima apparizione.

 

I modellini di auto da corsa esistono da quando esistono le auto da corsa. All’epoca la maggior parte erano modelli statici, per altri la propulsione era fornita da un meccanismo a orologeria a carica automatica. Alcune delle prime slot car disponibili in commercio o più accuratamente “modellini di auto da corsa elettriche funzionanti a potenza costante” sono state prodotte da Lionel (USA) e appaiono nel loro catalogo nel 1912. Le vetture recuperavano la corrente da una rotaia di trenino affondata in una sede apposita collegata a una batteria ed erano sorprendentemente simili alle moderne slot, ma il controllo della velocità indipendente era disponibile solo come optional. Set di auto e binari erano venduti a un prezzo compreso tra $ 7,50 e $ 18,00 che, sebbene costosi, vendettero bene. Per ragioni sconosciute, Lionel interruppe la produzione del set nel 1915 dopo che ne furono prodotti circa 12.000.

Nei successivi quarant’anni, molti altri set di auto da corsa commerciali alimentati elettricamente o più spesso a orologeria arrivarono e uscirono da aziende come Marx e Bachman Brothers negli Stati Uniti, e Marklin e Fleischmann in Europa già produttrici di modellini ferroviari.

Louis Marx and Company è stato un produttore di giocattoli americano in attività dal 1919 al 1978. I suoi prodotti erano spesso stampati con lo slogan: “Uno dei tanti giocattoli Marx, li avete tutti?” Nel 1938 Marx vendeva un set a binario singolo chiamato “Motorcycle Cop and Car Single Track Speedway”. Il set include due veicoli litografici in latta, una motocicletta del dipartimento di polizia con sidecar e un Arrow Racer n. 2 a forma di siluro. Il set viene fornito con 12 sezioni di pista da corsa ad incastro (4 diritte, 8 curve) che hanno fornito un layout di 9 piedi. in lunghezza. Ogni pezzo di binario è stato stampato in litografia per assomigliare a una carreggiata pavimentata in mattoni con muri di pietra rossa e gialla su entrambi i lati. Include anche due chiavi di carica identiche.

Nello stesso periodo Marx vendette anche una pista elettrica, più costosa a due corsie completa di ponte a schiena d’asino. Il set includeva un controllo della velocità a reostato ma regolava la velocità di entrambe le auto e non individualmente. Marx sarebbe tornato sul mercato negli anni ’60 producendo set di slot car economici destinati al grande pubblico per i grandi magazzini Sears ,l’azienda non aveva interesse per il mercato degli appassionati.

Marklin, la azienda tedesca di giocattoli, ha prodotto dal 1934 al 1938 un sistema di auto da corsa  elettrica a 20 Volt che vide anche il Reichsmarshall Hermann Göring tra i suoi clienti. Il trasformatore da 20 Volt sostituiva un trasformatore iniziale da 50 Volt che era stato dichiarato fuorilegge per motivi di sicurezza. Inizialmente quasi tutte queste auto erano tenute in pista da binari rialzati, sulle ruote (in stile trenino), sul centro della corsia o lungo un bordo. Questi modelli  divennero noti come “auto a binario” (rail cars) anziché slot car. Dopo il 1938 la  pista fu eliminata da catalogo, Marklin tornò come produttore di slot car negli anni sessanta dopo che la rivale Carrera produsse il primo set.

.

 

Robert L. Mapson e Lee A. Woolley produssero  l’Electricar per la “Kokomo Stamped Metal Company”, era un modello che correva all’interno di una pista “recintata”. Il pickup  venne stato realizzato utilizzando un sistema di guida del paraurti anteriore che scorreva lungo l’interno del percorso tra le due recinzioni che delimitavano la pista. Le carrozzerie aggiuntive includevano un camion dei rifiuti, un camion del ghiaccio, un camion dei pompieri e nel 1931 si poteva persino correre su un autobus pieno di passeggeri terrorizzati usando un’estensione del telaio a 6 ruote.

La depressione economica del paese costrinse la produzione dell’Electricar a essere interrotta nel 1933. All’epoca il set era considerato costoso: $ 8,00.

1937: finalmente un po’ di velocità!

Anche se certamente una novità, questi primi sforzi non hanno prodotto la velocità che gli appassionati si aspettavano dalle loro auto da corsa. A doscolpa delle società menzionate sino ad ora va detto che erano principalmente nel settore della vendita di modellini ferroviari e le automobili erano considerate solo un altro accessorio.

Fu  un americano a introdurre un po’ di velocità. Ciò accadde nel 1937 a Los Angeles, in California, un luogo tradizionale per le corse automobilistiche negli USA

Non si può parlare propriamente di slot car, ma di “tether cars” ovvero auto “legate”, “vincolate”. Le tether cars sono alimentate da piccoli motori a scoppio e vengono fissate a palo centrale tramite un cavo d’acciaio, corrono in a una pista circolare di solito composta da 4-6 corsie. Le vetture venivano fissate a una coppia di cuscinetti a sfera montati sull’asse anteriore e posteriore e guidati da un binario.

Queste auto erano alimentate da motori a combustione interna in miniatura, che ottennero una maggiore disponibilità nel 1931 con l’introduzione del motore a scoppio Brown Junior negli Stati Uniti. Il primo di questi fu costruito individualmente da Bill Brown nella sua officina domestica ma nel 1934 il Brown Junior “B” da 10 cc era in produzione su vasta scala dalla Junior Motors di Filadelfia, Pennsylvania. Il loro successo è stato rapidamente messo alla prova da una serie di prodotti concorrenti, prevalentemente fabbricati negli Stati Uniti.

Senza il supporto delle grandi aziende di giocattoli e con il paese ancora nel mezzo della Grande Depressione, era lasciato all’hobbista il compito di mantenere vivo l’hobby. Negli Stati Uniti i primi piloti di tether car erano in realtà appassionati di modellini di aeroplani, il più conosciuto era Tom Dooling. Scrivendo più tardi nel numero di giugno 1940 della rivista “Model Craftsman”, Tom Dooling ricordò che lui e i suoi fratelli erano seduti intorno al camino della loro casa e…

“Questa particolare domenica sera, si è discusso della possibilità di costruire un’auto in miniatura alimentata da un piccolo motore a scoppio  simile al motore utilizzato nel mio aereo. Essendo come qualsiasi altro americano medio, ho sempre avuto il desiderio di trafficare con qualsiasi cosa e questa idea di modellini di auto era intrigante. La settimana successiva assemblammo la nostra prima macchina”. La prima auto a gas che i fratelli Dooling costruirono era un aggeggio piuttosto rozzo, con trazione anteriore alimentata da un motore Bunch Gwin Aero. Nel descrivere l’auto, Dooling ha osservato: “Questo piccolo carrello aveva la bellezza e la grazia di un’anatra con una gamba sola – e con tutta la sua bruttezza”. Le prestazioni della prima macchina di Dooling non furono esaltanti, ma ciò bastò per attirare l’attenzione di un certo numero di appassionati che erano andati al Dust Bowl per pilotare i loro modellini di aeroplani.

 

La maggior parte degli aeromodellisti  irriducibili ridicolizzò il progetto di Dooling, ma altri decisero di provare a costruire le proprie auto. Dooling osservò: “Il principio di base si è rivelato un successo e abbiamo immediatamente iniziato a progettare una nuova macchina”. Quella domenica pomeriggio all’inizio del 1937, nacque un nuovo hobby sulla costa occidentale e i fratelli Dooling entrarono in affari. Queste grandi auto, costruite su una scala da 1/18 a 1/16, correvano con l’obiettivo di raggiungere la massima velocità possibile, (all’epoca ben 150 km/h! ) in quanto l’elettronica necessaria per controllare queste auto a distanza era ancora ben lungi  dall’essere inventata.

Nel novembre 1939, la BB Korn Specialty Manufacturing Company di Melrose Avenue a Los Angeles, offrì il suo primo prodotto commerciale per tether cars, la Meteor. Era una delle poche auto con carrozzeria in lamiera. La prima auto Indy di BB Korn fu prodotta nel 1940, le auto erano in alluminio pressofuso con cofani in lamiera di alluminio. Queste erano auto di prima qualità, così come i loro prezzi; ogni vettura era assemblata personalmente a mano da Barney Korn e da un assistente.

 

 

 

 


La storia delle slot car – parte 1
La storia delle slot car – parte 2
La storia delle slot car – parte 3
La storia delle slot car – parte 4
La storia delle slot car – parte 5
La storia delle slot car – parte 6

DR

Di DR